Powell prevede di aumentare i tassi di interesse di un quarto di punto questo mese

Il presidente Jerome Powell ha dichiarato mercoledì di sostenere un tradizionale aumento di un quarto di punto del tasso di interesse a breve termine di riferimento della Federal Reserve quando la Fed si riunirà alla fine di questo mese, piuttosto che un aumento più ampio suggerito da alcuni politici.

Ma Powell ha aperto le porte a un aumento più ampio se l’inflazione, che è al livello più alto degli ultimi quattro decenni, non scende in modo significativo quest’anno, come prevede la Fed.

“Sono propenso a proporre e sostenere” un aumento del tasso di un quarto di punto per combattere l’accelerazione dell’inflazione che ha colpito l’economia negli ultimi mesi, ha detto Powell alla Commissione per i servizi finanziari della Camera nei primi due giorni di testimonianza semestrale al Congresso.

La maggior parte degli altri funzionari della Fed nelle ultime settimane ha sostenuto un aumento modesto simile, mentre alcuni hanno affermato di sostenere un aumento di mezzo punto. O almeno aperto a un tale aumento. In genere, i tassi più elevati della Federal Reserve, a loro volta, aumentano i costi di prestito per consumatori e imprese, inclusi prestiti per la casa, auto e carte di credito.

“Ci aspettiamo che l’inflazione raggiunga il picco e cominci a diminuire quest’anno”, ha affermato Powell. Ma ha aggiunto, “nella misura in cui l’inflazione raggiunge un livello più alto … saremo pronti ad entrare in modo più aggressivo” aumentando i tassi di interesse di oltre un quarto di punto entro la fine dell’anno.

Il mercato azionario è salito in risposta al sostegno di Powell per l’aumento minore. L’S&P 500 è balzato dell’1,7% nel trading di metà giornata.

Il capo della Federal Reserve ha avvertito che le conseguenze economiche dell’invasione della Russia L’Ucraina, e le conseguenti sanzioni da parte di Stati Uniti ed Europa, sono “molto incerte” e hanno affermato che era “troppo presto per dire” come potrebbero influenzare le politiche della Fed.

READ  I registri del tribunale mostrano il famigerato CEO Andrew Federhorn, residente a Portland sotto inchiesta per presunta frode, riciclaggio di denaro e tentata evasione fiscale.

Powell ha affermato che prima dell’invasione russa, la Fed prevedeva di attuare una “serie” di aumenti dei tassi quest’anno, probabilmente in ciascuno dei sette restanti incontri della Fed. Per ora, la Fed “procederà con cautela lungo le linee di quel piano”.

Gli economisti si aspettano che la Fed implementi incrementi di cinque-sette punti quest’anno.

Powell ha parlato un giorno dopo che il presidente Joe Biden ha detto nel suo discorso sullo stato dell’Unione Che “la mia massima priorità è il controllo dei prezzi”.

L’aumento di questo mese sarà il primo dal 2018. Sarà l’inizio di una sfida delicata per la Fed: vuole che i tassi aumentino abbastanza da far scendere l’inflazione, che ora è al livello più alto degli ultimi quattro decenni, ma non così veloce come crescita e occupazione stanno soffocando. Powell scommette che con il tasso di disoccupazione in calo al 4% e la spesa dei consumatori forte, l’economia può permettersi costi di finanziamento leggermente più elevati.

Il tasso della Fed è ora ancorato vicino allo zero, come è stato da quando la pandemia ha colpito nel marzo 2020 e la Fed ha risposto tagliando i tassi di interesse per aiutare a sostenere l’economia.

Powell ha riconosciuto che gli aumenti dei prezzi al consumo sono balzati ben al di sopra dell’obiettivo del 2% della Fed: l’inflazione era del 7,5% a gennaio rispetto all’anno precedente. E che i prezzi alti sono durati più a lungo del previsto. Ha anche promesso di utilizzare gli strumenti della Fed per riportare l’inflazione al livello target.

“Comprendiamo che l’inflazione elevata impone notevoli difficoltà, specialmente a coloro che sono meno in grado di far fronte agli alti costi di beni di prima necessità come cibo, alloggio e trasporti”, ha affermato il presidente della Fed.

READ  Johnson & Johnson difende la strategia fallimentare del talco che i pubblici ministeri del cancro chiamano "corrotta"

Interrogato dal rappresentante repubblicano Roger Williams, Powell ha affermato di ritenere che la Fed possa ridurre l’inflazione senza spingere l’economia in recessione. Powell ha affermato che uno dei motivi per cui lo pensa è che l’economia è forte ora, con una forte crescita e un basso tasso di disoccupazione del 4%.

Il presidente della Fed ha aggiunto che la banca centrale prevede che l’inflazione diminuirà gradualmente quest’anno, poiché le catene di approvvigionamento interconnesse si disgregano e i consumatori si ritirano leggermente dalla spesa. Molti economisti sono d’accordo con lui, ma comunque credono che l’inflazione rimarrà alta. L’aumento dei prezzi si sta diffondendo oltre gli articoli interrotti dalla pandemia – automobili, elettronica, mobili e altri beni per la casa – in categorie di spesa più ampie, in particolare i costi di noleggio..

Goldman Sachs ha alzato le sue previsioni di inflazione e ora prevede che i tassi, secondo la procedura preferita dalla Fed, continueranno a salire a un tasso annuo relativamente alto del 3,7% entro la fine dell’anno. Questo è ben al di sopra dell’ultima previsione della Fed, pubblicata a dicembre, del 2,7%.

Powell ha affermato che la Fed inizierà anche a tagliare il suo enorme bilancio di $ 9 trilioni, che è più che raddoppiato durante la pandemia quando la Fed ha acquistato migliaia di miliardi di dollari in obbligazioni per cercare di abbassare i tassi di interesse a lungo termine. Ha affermato che è probabile che i responsabili delle politiche della banca centrale concorderanno un piano su come ridurre le sue partecipazioni obbligazionarie quando si riunirà tra due settimane, ma ha rifiutato di dire quando il piano sarà attuato.

READ  Le "Grandi Dimissioni" non accennano a rallentare

La società di consulenza Oxford Economics prevede che la Fed riduca le sue partecipazioni di circa $ 400 miliardi quest’anno, il che stima avrà l’effetto di aumentare i tassi di interesse di quasi mezzo punto percentuale.

L’invasione dell’Ucraina ha fatto salire i prezzi del petrolio di circa il 18% a quasi $ 110 al barile, il che renderebbe il gas più costoso. Alcuni economisti hanno previsto che i prezzi del gas raggiungeranno presto una media di $ 4 al gallone, in aumento rispetto alla media nazionale di $ 3,66 di mercoledì.

L’energia più costosa manderà l’inflazione più alta di quanto avrebbe potuto essere nei prossimi mesi, rafforzando le argomentazioni a favore dell’aumento dei tassi di interesse da parte della Fed. Ma il gas più costoso priva i consumatori anche di denaro da spendere per altre cose. Questo, a sua volta, rischia di ridurre la spesa dei consumatori e potenzialmente di indebolire l’economia, uno scenario che di solito scoraggia la Fed dall’aumentare i tassi di interesse.

Powell ha avvertito che la guerra potrebbe portare a carenze di materie prime come neon e palladio, che vengono utilizzate nella produzione di semiconduttori. La carenza di chip per computer nell’ultimo anno ha rallentato la produzione di automobili ed elettronica e ha contribuito all’aumento dell’inflazione.

Ma il presidente della Fed ha anche indicato che l’impatto complessivo della guerra sull’economia statunitense potrebbe essere limitato fintanto che il conflitto non si intensificherà in modo significativo. Solo lo 0,5% circa del commercio statunitense è con la Russia.

“Le nostre istituzioni finanziarie e la nostra economia non hanno interazioni significative con l’economia russa”, ha affermato. “È diventato sempre più piccolo negli ultimi anni.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply