Putin dichiara che 6.500 miglia quadrate di Ucraina non sono più l’Ucraina

Il presidente Putin ha dichiarato unilateralmente lunedì che due pezzi dell’Ucraina orientale dovrebbero essere considerati stati indipendenti in una drammatica escalation che molti temono possa portare a una guerra totale.

In una lettera alla sua nazione, il presidente russo ha affermato di sì riconoscimento formale Le regioni filo-Cremlino di Luhansk e Donetsk – che si estendono per oltre 6.500 miglia – non fanno più parte dell’Ucraina.

L’annuncio è arrivato dopo una riunione sorprendentemente bizzarra del Consiglio di sicurezza russo, in cui Putin è emerso come un capobanda che mette alla prova i suoi seguaci, mentre i funzionari parlavano, uno per uno, a favore del riconoscimento delle autoproclamate repubbliche.

Era un altro strano spettacolo in un giorno in cui i tamburi di guerra erano assordanti. Questa affermazione regionale aggressiva e completamente ingiustificata è arrivata dopo una serie di operazioni apparentemente false in cui i russi hanno cercato di incolpare le forze ucraine per una serie di attacchi.

L’esercito russo ha affermato che cinque presunti “sabotatori” sono stati assassinati lunedì dopo aver attraversato il confine con la Russia dall’Ucraina.

Il rapporto rispecchia grosso modo ciò che l’amministrazione Biden ha avvertito che potrebbero essere “false flag” o solleva punti a cui la Russia risponderà come pretesto per la sua invasione.

“A seguito degli scontri, cinque persone che hanno violato il confine russo sono state uccise da un gruppo di sabotatori”, ha affermato l’esercito russo in una nota. Nessun russo è stato ucciso nella presunta violazione del confine. La Russia ha anche affermato che l’Ucraina ha distrutto un posto di frontiera utilizzato dal Servizio di sicurezza federale (FSB) durante i bombardamenti mattutini.

READ  Veterano cameraman e giornalista ucraino ucciso vicino a Kiev mentre copriva Fox News

La Russia ha anche affermato nei giorni scorsi che le forze ucraine stanno effettuando attacchi a Luhansk e Donetsk.

L’Ucraina ha negato qualsiasi incursione o attacco del genere. Lunedì il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba è andato su Twitter per respingere le accuse in grande rosso di aver negato un attacco a Donetsk o Luhansk, di aver inviato sabotatori oltre il confine russo o di aver bombardato il territorio russo o i valichi di frontiera.

Dopo l’ultimo round di presunta aggressione ucraina, i leader delle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk hanno pubblicato appelli video chiedendo a Putin di riconoscere la loro indipendenza, poiché affermavano che le forze ucraine si stavano preparando ad attaccare.

Nonostante una raffica di diplomazia dell’ultimo minuto, incluso il discorso di un vertice tra i presidenti Joe Biden e Vladimir Putin, sembra che presto l’inferno si romperà in Ucraina.

Lunedì, il consigliere per la sicurezza nazionale di Biden, Jake Sullivan, ha avvertito che l’imminente attacco della Russia all’Ucraina sarebbe “estremamente violento” e potrebbe effettivamente iniziare in qualsiasi momento.

“Pensiamo che qualsiasi operazione militare di questa portata e portata e portata di ciò che pensiamo che i russi stiano pianificando sarebbe molto violenta”, ha detto alla NBC Today in un frenetico episodio della televisione mattutina del President’s Day. “Costerà la vita di ucraini e russi, civili e militari allo stesso modo”.

Ha detto alla rete che le nuove informazioni raccolte nei giorni scorsi indicano “una maggiore forma di brutalità perché questa non sarebbe solo una guerra convenzionale tra due eserciti”. Ha continuato dicendo che la Russia avrebbe preso di mira il popolo ucraino per “reprimerlo, schiacciarlo e danneggiarlo”.

READ  La crisi dei rifugiati in Ucraina mette in luce il razzismo in Europa e Polonia

È poi apparso su Good Morning America della ABC, dicendo loro che “tutte le indicazioni sono che il presidente Putin ei russi stanno portando avanti un piano per effettuare una grande invasione militare dell’Ucraina”. Quel piano è stato rafforzato durante il fine settimana, quando l’equipaggiamento militare russo dipinto con inquietanti lettere bianche “Z” è rotolato verso punti strategici lungo il confine ucraino. “Abbiamo visto nelle ultime 24 ore ulteriori movimenti di unità russe verso il confine senza altra buona spiegazione se non che sono in grado di attaccare”.

Durante il fine settimana, il presidente francese Emmanuel Macron ha invitato Biden e Putin a un vertice, a cui Biden ha indicato che avrebbe partecipato a condizione che la Russia non invada l’Ucraina, ma il Cremlino ha definito “prematuro” i rapporti su un tale incontro.

Sullivan ha anche ribadito che qualsiasi attacco all’Ucraina sarebbe affrontato “con l’intera forza degli Stati Uniti e delle forze alleate”, notizie non confermate di violazioni del cessate il fuoco lungo il confine continuano senza sosta. Un video pubblicato su Twitter mostrava una stazione di servizio in fiamme in prima linea nell’Ucraina orientale mentre i civili fuggivano a causa degli spari.

L’Unione Europea, che alla fine risentirà direttamente dell’impatto della guerra, ha approvato un pacchetto di emergenza da 1,36 miliardi di dollari per sostenere l’Ucraina attraverso prestiti, secondo una dichiarazione del Consiglio dell’UE lunedì. Intende fornire un rapido sostegno in caso di crisi acute e rafforzare la resilienza dell’Ucraina. “

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply