Quello che sappiamo: Novak Djokovic e l’Australian Open Chronology

Ecco la cronologia degli eventi avvenuti finora.

Al 34enne Djokovic è stato rilasciato un visto d’ingresso temporaneo australiano per partecipare al nove volte Australian Open. Djokovic ha richiesto un visto a ottobre o novembre 2021.

In una lettera a Craig Tyle, il ministro della Salute australiano Greg Hunt, direttore del torneo Australian Open e CEO di Tennis Australia, ha affermato che solo negli ultimi sei mesi l’infezione da Govt-19 – senza un vaccino completo – non ha incontrato il requisiti per l’ingresso senza isolamento. Paese, secondo una lettera trapelata pubblicata sui media locali australiani.

Djokovic posa con il trofeo dopo la vittoria dell'Australian Open 2020.

Dicembre 2021

Si dice che Tennis Australia abbia inviato una lettera ai giocatori sostenendo di essere idonei per un’esenzione medica valida, insieme a una lettera del medico dall’infezione Govt-19 che si è verificata negli ultimi sei mesi; Secondo una lettera trapelata ai media locali australiani, i giocatori hanno tempo fino al 10 dicembre per presentare le loro domande di esenzione medica.

Djokovic partecipa a una partita di basket a Belgrado – dopo la quale a molti è stata diagnosticata l’infezione da Kovit-19 – secondo un rapporto pubblicato il 12 gennaio 2021 sull’account Instagram verificato di Djokovic.

Djokovic esegue un test antigenico rapido – che è negativo – e, secondo Djokovic, esegue anche il test PCR ufficiale e approvato “con estrema cautela”.

I risultati del test PCR di Djokovic sono stati positivi più tardi quel giorno, secondo una copia dei risultati del test nella sua confessione, ma la sua dichiarazione del 12 gennaio afferma che non ha ricevuto un risultato positivo del test PCR dopo l’evento di tennis del 17 dicembre.

READ  Le scuse della luna della Corea del Sud Park insultato in mezzo alla feroce corsa presidenziale

Successivamente, secondo le immagini pubblicate sui social media ufficiali della sua fondazione, è stato fotografato in due occasioni e nessuno dei partecipanti indossava mascherine.

Djokovic ha giocato in azione durante la semifinale di Coppa Davis tra Serbia e Croazia nel dicembre 2020 a Madrid.

Djokovic partecipa a un evento di tennis a Belgrado e premia i bambini, che in precedenza erano stati sottoposti a un test antigenico rapido, che era negativo, secondo il rapporto di Djokovic.

Sulla pagina Facebook della Belgrado Tennis Association, Djokovic pubblica varie foto scattate con un gruppo di giovani alla cerimonia di premiazione del tennis. Una foto mostra almeno 26 persone – per lo più giovani – in posa con lui. Le attività di esclusione sociale passano inosservate e le mascherine non vengono indossate.

Ad un certo punto dopo l’evento, Djokovic riceve l’annuncio di un test PCR positivo, secondo il suo rapporto.

Djokovic è stato fotografato alla cerimonia di premiazione del tennis il giorno dopo essere risultato positivo al Kovit-19.

Djokovic dovrebbe intervistare L’Equipe nel suo centro di tennis a Belgrado per completare l’intervista e il servizio fotografico. La sua dichiarazione afferma che era socialmente escluso e indossava una maschera tranne quando è stata scattata la sua foto.

Al giornalista Frank Ramella e al fotografo Etienne Garnier non è stato detto che Djokovic fosse positivo a Govit prima o durante l’intervista con la stella del tennis a Belgrado, ha riportato il quotidiano sportivo francese il 12 gennaio.

Nell’articolo L’Equipe, Ramella afferma di essere risultato negativo per Govit-19. Non menziona la salute di Gornier.

Novak Djokovic è

Secondo la sua confessione, Djokovic è risultato negativo al virus.

23 dicembre
Djokovic ha gli anticorpi contro il corona virus, un documento emesso dall’Agenzia per la salute pubblica serba supporta l’affermazione del tennista di essersi ripreso da Kovit-19 quando è arrivato in Australia per gli Australian Open.

READ  È morto all'età di 90 anni l'arcivescovo Tutu, attivista anti-apartheid in Sudafrica

L’Istituto serbo per la salute pubblica di Belgrado ha contattato la CNN e ha chiesto nel giugno 2020 se gli anticorpi provenissero da una precedente infezione.

Djokovic A. Esenzione medica Secondo i documenti del tribunale, a Dennis è stato permesso di entrare in Australia senza vaccinazione o isolamento in quanto si era ripreso dalla malattia di Kovil dall’Australia.

Entro la fine dell’anno, appariranno video e immagini che mostrano Djokovic in Spagna e Serbia per un periodo di due settimane prima di recarsi in Australia. Secondo i documenti del tribunale ottenuti dalla CNN, Djokovic ha spuntato “No” nell’avviso di viaggio quando gli è stato chiesto se avesse viaggiato 14 giorni prima di arrivare in Australia.

gennaio 2022

La squadra di Djokovic ha presentato la dichiarazione di viaggio al ministero dell’Interno australiano, che l’ha valutata e li ha informati che gli è stato permesso di arrivare senza isolamento.

Djokovic ottiene il permesso di attraversare il confine dal governo statale del Victoria, secondo la sua confessione, dove si trova il Melbourne e dove si svolgeranno gli Australian Open.

Djokovic, che ha lasciato la Spagna il giorno prima, arriva a Melbourne a mezzanotte. Gli viene prelevato il passaporto e viene portato in una piccola stanza dove si dice sia stato interrogato dagli agenti di controllo di frontiera.

Djokovic ha un visto Annullato Dal governo australiano, lui a Struttura di detenzione temporanea Al Park Hotel di Melbourne, secondo la confessione.
Il 7 gennaio 2022, Djokovic è stato preso in custodia dalla polizia presso il centro di detenzione governativo dove si trovava.

In una conferenza stampa, il 29 novembre il primo ministro Scott Morrison ha letto una lettera del ministro della Salute Hunt a Dennis Australia, confermando che l’infezione da Govt-19 da sola non aveva soddisfatto i requisiti per l’ingresso isolato negli ultimi sei mesi.

Inizia il processo a Djokovic, ha concluso il giudice Annulla cancellazione Il suo visto e l’ordine di liberarlo dalla custodia. Tuttavia, il giudice ha affermato che il ministro dell’Immigrazione australiano Alex Hawke aveva il diritto di espellere Djokovic.

L’Australian Border Force (ABF) sta indagando se Djokovic abbia presentato un avviso di viaggio falso prima di arrivare in Australia.

READ  I critici incolpano rapidamente Glenn Young per la crisi del ghiaccio I-95, anche se non ancora in carica

Djokovic ha affermato che il suo team ha fornito ulteriori informazioni al governo australiano per chiarire la questione del suo avviso di viaggio.

Tuttavia, i funzionari dell’Australian Border Force (ABF) stanno indagando sulle discrepanze nei documenti relativi alla decisione PCR di dicembre di Djokovic e al test positivo per Kovit-19 in Serbia nei giorni precedenti ai movimenti del tennista. CNN.

Nel primo round degli Australian Open, Djokovic è stato sorteggiato contro il suo compagno di squadra serbo Myomir Kekmanovic.

In una precedente edizione di questa cronologia, Djokovic ha travisato il numero di eventi noti a cui ha partecipato il 16 dicembre.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply