Rammstein: “Sì, il nuovo video glorifica il nazismo, ci siamo schierati. E allora?”

Ormai tutti sanno che i Rammstein sono tornati con un video controverso, a partire dal titolo (Deutschland) e dalla prima immagine promozionale che era stata presentata al mondo, che li vedeva nei panni di condannati a morte in un campo di concentramento, o come gerarchi nazisti impegnati a bruciare libri, con svastica in bella vista.
Nel caso non abbiate visto il video:

Moltissime le reazioni, soprattutto in Germania.
Una risposta dalla band, insomma, era attesa, ed è arrivata come sempre nel modo più inatteso: non con un comunicato stampa, ma con una lunga intervista al sito Hai-Fisch, una pagina fan-club dedicata ai Rammstein (il cui nome deriva da Haifisch, uno dei video più famosi del gruppo).

Ecco una traduzione delle loro esplosive dichiarazioni – per una versione più completa, vi invitiamo a cliccare sulla versione originale in fondo a questa pagina.

“Non vogliamo essere fraintesi, non c’è spazio per fraintendimenti. L’Europa vive una situazione di crisi, e per noi era giunto il momento di schierarci.
Ci avete rotto le palle per anni, con le accuse di simpatie di nazismo, solo perchè cantiamo in tedesco. Abbiamo lottato allo sfinimento, ma ora gettiamo la maschera: sì, siamo cultori del nazional-socialismo tedesco. E allora? Ai concerti verremo trattati a pesci in faccia? Ben venga. Tanti nemici, tanto onore.”

Clicca qui sotto per il testo originale in tedesco e inglese

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*