Russia e Cina attenuano il testo del G20 sulle tensioni geopolitiche

  • La crisi ucraina getta un’ombra sulla riunione del G-20 che si è conclusa venerdì
  • Il G20 cancella il riferimento alle tensioni “attuali” tra le obiezioni russe
  • Il ministro canadese mette in guardia la Russia dall’invasione dell’Ucraina – Fonti cinesi resistono al taglio del debito dei paesi poveri
  • I capi finanziari del G20 hanno promesso che l’accordo fiscale globale entrerà in vigore nel 2023

GIACARTA/WASHINGTON (Reuters) – Russia e Cina hanno annacquato una dichiarazione del Gruppo dei 20 leader finanziari sui rischi geopolitici per l’economia globale al termine di un incontro controverso che si è concluso venerdì e hanno rimosso i riferimenti alle tensioni “attuali” poiché i mercati finanziari sono preoccupati per una possibile guerra in Ucraina.

La riunione dei ministri delle finanze e dei governatori delle banche centrali del Gruppo delle 20 principali economie è stata una delle più divise dall’inizio della pandemia di COVID-19 nel 2020, secondo le persone che hanno familiarità con le discussioni.

Il ministro delle finanze canadese Chrystia Freeland si è discostato dallo scenario economico del G-20 per lanciare un appassionato appello alle sue controparti russe di non invadere l’Ucraina, avvertendo che una misura del genere danneggerebbe l’economia globale e imporrebbe sanzioni “schiaccianti” alla Russia, secondo due fonti familiarità con la materia. Appunti. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Altre fonti che hanno familiarità con l’incontro hanno affermato che Cina e Russia si sono opposte al riferimento alle “tensioni attuali” in una precedente bozza di dichiarazione, nonché ai disaccordi sulla ristrutturazione del debito dei paesi poveri e sul prezzo del carbonio.

READ  Blinken: "Putin fallirà e la Russia subirà una sconfitta strategica" in Ucraina - Live politica Usa | Notizie dagli Stati Uniti

“Continueremo anche a monitorare i principali rischi globali, comprese le tensioni geopolitiche emergenti e le vulnerabilità macroeconomiche e finanziarie”, afferma semplicemente la dichiarazione conclusiva del gruppo.

Al termine della riunione, le azioni statunitensi ed europee sono diminuite a causa dei timori che un’invasione russa dell’Ucraina fosse imminente dopo che i separatisti sostenuti dalla Russia hanno annunciato un’improvvisa evacuazione delle loro regioni separatiste nell’Ucraina orientale. Per saperne di più

smettere di pagare i debiti

I colloqui del G20, che si sono svolti virtualmente e nella capitale indonesiana Jakarta, sono stati anche caratterizzati da disaccordi sul travagliato quadro di ristrutturazione del debito del gruppo.

La dichiarazione finale non ha approvato le proposte del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale di sospendere immediatamente il servizio del debito per i paesi poveri in cerca di ristrutturazione ed espansione per includere alcuni paesi a reddito medio.

Invece, i funzionari delle finanze hanno ribadito il loro “impegno a intensificare i nostri sforzi” per attuare il quadro “in modo tempestivo, ordinato e coordinato” senza alcun dettaglio.

In precedenza, una fonte nei colloqui ha affermato che la Cina, di gran lunga il più grande creditore bilaterale del mondo, aveva resistito all’idea di accettare la piena riduzione del debito.

Il presidente della Banca mondiale David Malpass ha dichiarato alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco dopo la riunione finanziaria di essere preoccupato per il fatto che il G20 “non stesse facendo i passi avanti” per far fronte all’enorme e crescente onere del debito nei paesi in via di sviluppo.

“Le discussioni del G-20 sul debito sono state davvero deludenti”, ha affermato Eric LeCompte, direttore esecutivo di Jubilee USA Network, un’organizzazione religiosa che si batte per la cancellazione del debito per i paesi poveri. Ha detto che la Cina stava resistendo ai passi per rafforzare il quadro del debito del G-20 simile al fallimento “in modo che possano fare accordi insieme” alle nazioni debitrici.

READ  La Finlandia neutrale e la Svezia accettano l'idea dell'adesione alla NATO

domande di credibilità

Il ministro delle finanze indonesiano Sri Mulyani Indrawati ha affermato che altri punti critici includono la riluttanza di alcuni paesi a sostenere il prezzo del carbonio come strumento per affrontare il cambiamento climatico e come aiutare paesi a basso reddito come il Ciad, lo Zambia e l’Etiopia che stanno lottando con l’onere del debito. Finora insostenibile durante la pandemia di coronavirus.

“Si tratta anche della reputazione e della credibilità del G20 come gruppo di paesi con economie più grandi per aiutare i paesi in una situazione instabile”, ha affermato.

Su altri argomenti, la bozza finale del testo del G-20 si è impegnata a utilizzare “tutti gli strumenti politici disponibili per affrontare gli effetti della pandemia”, con l’avvertenza che lo spazio politico futuro sarà probabilmente “più ristretto e irregolare”. Per saperne di più

“Le banche centrali agiranno come necessario per garantire la stabilità dei prezzi in linea con i rispettivi mandati, pur rimanendo impegnate a comunicare in modo chiaro le loro posizioni politiche”.

Il ritmo irregolare della ripresa dalla pandemia sta complicando il percorso politico delle banche centrali. I previsti incrementi costanti dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve statunitense hanno richiamato l’attenzione sulle potenziali implicazioni per i mercati emergenti.

Mentre i casi della variante Omicron di COVID-19 sono in calo in molti paesi ricchi, sono ancora in aumento in molti paesi in via di sviluppo, incluso il paese ospitante l’Indonesia.

Il testo del G20 si è inoltre impegnato a garantire l’attuazione di un accordo storico che fissa un’imposta sulle società minima globale nel 2023. [nL1N2UT0JV]

Ulteriori reportage di Francesca Nanjoy e Stefano Suleiman a Jakarta, Lika Kihara a Tokyo, Christian Kraemer a Berlino, Jan Strubchowski a Bruxelles, Lee Thomas a Parigi, David Lauder e Andrea Schallal a Washington. Scritto da David Lauder e Mark John; Montaggio di John Stonestreet, Toby Chopra e Leslie Adler

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply