Sale a 117 il bilancio delle frane in Brasile, la polizia: 116 i dispersi

Il bilancio delle vittime di inondazioni e smottamenti che hanno inghiottito la città di montagna di Petropolis è salito ad almeno 117 giovedì e le autorità locali hanno affermato che potrebbe ancora aumentare notevolmente, con altri 116 dispersi.

Il governo dello stato di Rio de Janeiro ha confermato la crescente perdita di vite umane, con molti temuti sepolti nel fango sotto la città di influenza tedesca, annidata tra le montagne sopra Rio de Janeiro.

Martedì, inondazioni e smottamenti hanno spazzato auto e case lungo le strade della città durante l’acquazzone più pesante degli ultimi decenni. Un video mostrava due autobus che affondavano in un fiume in piena mentre i passeggeri si arrampicavano fuori dai finestrini mentre si arrampicavano per mettersi in salvo. Alcuni non sono riusciti a raggiungere le rive e sono stati spazzati via.

I sopravvissuti hanno scavato nel paesaggio devastato per trovare i loro cari anche se altre frane sono apparse sui pendii della città. Una piccola fetta giovedì ha provocato l’evacuazione ma non ha causato feriti.

Al calare della sera, nell’area sono tornate forti piogge, allarmando i residenti e i soccorritori. Le autorità hanno insistito per evacuare coloro che vivono in aree ad alto rischio.

Roslyn Virginia ha detto che suo fratello è scappato per un pelo e lo considera un miracolo. Ma un amico non è stato ancora trovato.

“È straziante vedere persone che chiedono aiuto e non hanno modo di aiutare, non hanno modo di fare nulla”, ha detto Virginia all’Associated Press mentre l’uomo la confortava. “È senza speranza, la sensazione di perdita è così grande”.

Quando alcune persone hanno cercato di rimuovere il fango, altre hanno iniziato a seppellire i loro parenti scomparsi, con 17 funerali nel cimitero danneggiato.

Valutare
miniatura del video di YouTube

Giovedì la polizia di Rio ha dichiarato in una dichiarazione che circa 200 dei suoi agenti stanno controllando le liste di vivi, morti e dispersi visitando posti di blocco e rifugi, nonché l’obitorio della città. Hanno detto che sono stati in grado di rimuovere 3 persone dall’elenco dei dispersi dopo che sono state trovate vive in una scuola locale.

READ  Il rublo russo ha raggiunto meno di un centesimo dopo che l'Occidente ha inasprito le sanzioni

“Ogni dettaglio è importante per poter rintracciare le persone”, ha affermato l’investigatrice della polizia di Rio Elaine Soto. “Abbiamo bisogno che le persone ci dicano il nome completo della persona scomparsa, la loro carta d’identità, le loro caratteristiche fisiche e gli abiti che quella persona indossava”.

Petropolis, dal nome di un ex imperatore brasiliano, era un rifugio per le persone in fuga dalla calura estiva e per i turisti desiderosi di esplorare la cosiddetta “città imperiale”.

La sua prosperità attirò anche residenti dalle aree povere di Rio e la popolazione crebbe a casaccio, scalando montagne ora ricoperte da piccole abitazioni stipate insieme, spesso in aree rese più vulnerabili dalla deforestazione e dal drenaggio inadeguato.

I vigili del fuoco statali hanno affermato che martedì sono caduti 25,8 centimetri (poco più di 10 pollici) di pioggia in tre ore, all’incirca quanto i 30 giorni precedenti messi insieme. Il governatore di Rio de Janeiro, Claudio Castro, ha dichiarato in una conferenza stampa che le precipitazioni sono state le peggiori che Petropolis avesse ricevuto dal 1932.

“Nessuno può prevedere una pioggia come questa”, ha detto Castro. Secondo i meteorologi, nel resto della settimana sono previste più piogge.

Castro ha aggiunto che quasi 400 persone sono rimaste senza casa e 24 persone sono state estratte vive. Sono stati fortunati, ed erano pochi.

Lisa Torres Machado, 64 anni, ha affermato che la “mano di Dio” ha salvato la sua famiglia dalla tragedia.

“Ho lasciato una piccola stanza nella casa di mia madre e mi sono nascosta lì con mia sorella e mio fratello”, ha detto all’Associated Press Machado, residente a Petropolis da tre decenni. “Non riesco a dormire. Ancora non riesco a credere a quello che sta succedendo. Abbiamo perso tutti i nostri amici”.

READ  I futures sul grano stanno salendo alle stelle e i prezzi del cibo potrebbero essere i prossimi

La regione montuosa colpita è stata testimone di disastri simili negli ultimi decenni, tra cui un disastro che ha causato più di 900 morti. Negli anni successivi, Petropolis ha introdotto un piano per ridurre i rischi di frane, ma l’attività è progredita solo lentamente. Il piano, presentato nel 2017, si basava su un’analisi che ha determinato che il 18% del territorio della città è ad alto rischio di frane e inondazioni.

Le autorità locali affermano che più di 180 residenti che vivono in aree vulnerabili si sono rifugiati nelle scuole. Giovedì si prevede che più attrezzature e manodopera contribuiranno ai soccorsi.

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha espresso solidarietà durante la sua visita in Russia. Il consiglio comunale di Petropolis ha dichiarato tre giorni di lutto per la tragedia.

Il sud-est del Brasile è stato punito da piogge torrenziali dall’inizio dell’anno, con oltre 40 decessi registrati tra gli incidenti a Minas Gerais all’inizio di gennaio e San Paolo a fine mese.

___

Savarese riportato da San Paolo. Il giornalista video Mario Lubau ha contribuito all’Associated Press di Petropolis.

La giornalista dell’Associated Press Deborah Alvarez ha contribuito a questo rapporto da Brasilia.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply