Festival di Sanremo 2020: Silvia Toffanin affianca Amadeus?

Verissimo-Silvia-Toffanin
Verissimo Silvia Toffanin

È da poco finito il Festival di Sanremo 2019 e già si parla di cosa accadrà nel 2020, quando la manifestazione canora più importante d’Italia compirà settanta anni. Tra voci e cantanti che si autocandidano vediamo che cosa è stato detto.

Sanremo 2020 quando si svolge?

Il Festival di Sanremo si svolgerà nella cittadina ligure da martedì 4 a sabato 8 febbraio 2020. 

Sanremo 2020 anticipazioni

  • I cantanti in gara saranno 20, massimo 22.
  • La terza serata sarà un omaggio a Sanremo: ogni cantante proporrà una canzone del Festival duettando con l’interprete originale o con un altro. La votazione varrà anche per la classifica finale.
  • Fiorello farà delle incursioni.
  • Ci saranno ospiti internazionali.
  • Tecla Insolia sarà una degli otto cantanti della categoria Nuove Proposte in quanto vincitrice di Sanremo Young.
  • L’annuncio dei 20 big in gara sarà fatto durante la puntata speciale de I soliti ignoti il ritorno del 6 gennaio 2020.
  • Sanremo Giovani, che sceglierà cinque degli otto cantanti delle Nuove Proposte (altri due usciranno da Area Sanremo e poi c’è Tecla Insolia) si svilupperà in tre serate, due semifinali (tra novembre e dicembre) e una finale, che andrà in onda il 17 dicembre.
  • A Tv Sorrisi e Canzoni Amadeus ha annunciato che lo scenografo sarà Gaetano Castelli, il regista Stefano Vicario, il direttore delle luci Mario Catapano e il coreografo Daniel Ezralow.
  • Il palco dovrebbe essere, secondo il pensiero di Amadeus: “Elegante, importante, che rispecchi la tradizione del Festival, con elementi di innovazione“.
  • Secondo Spy il Dopo Festival potrebbe essere cancellato, mentre il Secolo XIX sostiene che potrebbe finire direttamente su RaiPlay.
  •  TvBlog rivela che durante la settimana del Festival la Rai potrebbe trasmettere da Casa Sanremo Unomattina, Storie Italiane, La vita in diretta, Unomattina in famiglia, Italia sì e Domenica In.
  • Durante la puntata de I Soliti Ignoti di lunedì 7 ottobre 2019 Amadeus ha invitato il 36enne Mauro di Nettuno, che canta con la lingua dei segni a partecipare al Festival per farlo esibire davanti ad una platea più vasta. (fonte TvBlog).
  • A Il Messaggero Amadeus ha rivelato che potrebbero salire sul palco alcuni conduttori del passato. Inoltre: torneranno i fiori al centro della scenografia.
  • Il Dopo Festival, rinominato L’altro Festival, dovrebbe andare in onda solo su RaiPlay insieme all’incontro quotidiano con la stampa.
  • Durante il Festival di Sanremo si esibirà anche Cristian Pintus, escluso dai 20 semifinalisti di Sanremo Giovani 2019, ma invitato da Amadeus ad eseguire il suo brano Io sto con Paolo, in quanto proposto con un ragazzo affetto da Sla. Spiega il conduttore: “Non è passato tra i 20 ma ho comunque deciso d’invitarlo come ospite e con la sua canzone sul palco dell’Ariston durante una delle cinque serate del Festival in quanto questo tema, che è estremamente importante, tocca profondamente la mia sensibilità e quella di tutti“.
  • Dagospia annuncia i nomi degli autori che affiancheranno Amadeus. Tra gli altri ci sono Max Novaresi, Ivana Sabatini, Sergio Rubino, Pasquale Romano e Massimo Martelli.
  • I cantanti in gara non saranno solo annunciati il 6 gennaio, ma saranno fisicamente presenti in studio durante la puntata speciale de I soliti Ignoti. (fonte Milano Music Week)

Sanremo 2020 ospiti

Il primo ospite, ufficializzato dall’ANSA l’11 dicembre, è il cantante scozzese Lewis Capaldi, candidato ai Grammy nella categoria Song of the Year per Someone You Loved.

Sanremo 2020 ospiti anticipazioni

Secondo Tv Sorrisi e Canzoni uno dei super ospiti potrebbe essere Tiziano Ferro.

Il 2 agosto, dopo l’annuncio di Amadeus conduttore di Sanremo, Fiorello ha confermato la sua presenza via social:

Che dire?!? Felicissimo per #amadeus un po’ meno per me! Ansia doppia @RaiPlay e @SanremoRai !!! Non ce la posso fare..AIUTOOOO …. solo per Ama…#sanremo2020

Spy del 12 ottobre rivela che Amadeus vorrebbe come super ospite internazionale Lady Gaga. Il settimanale aggiunge: “Il costo dell’operazione è proibitivo per le casse della Rai, ma il team è al lavoro per trovare soluzioni creative“.

TvBlog ha rivelato che, oltre alla presenza certa di Fiorello e di Jovanotti, la direzione starebbe trattando con Roberto Benigni e Antonella Clerici.

Tiziano Ferro, accostato anche alla conduzione, potrebbe esserci, ma in veste di ospite.

Secondo TvBlog tra gli ospiti potrebbe esserci Emma Marrone, anche per presentare Gli anni più belli, il film in cui recita.

Secondo Chi, dopo il no ricevuto da Lady Gaga, Amadeus avrebbe deciso di puntare su Bradley Cooper e Meryl Streep.

Sanremo 2020 Dopo Festival

Tiziana Leone in un articolo pubblicato sul Secolo XIX ipotizza che il Dopo Festival, “all’insegna dell’innovazione”, possa essere affidato a Alessandro Cattelan.

Secondo Chi, invece, il Dopo Festival potrebbe essere affidato al duo Stefano De Martino – Belen Rodriguez, già conduttori de La notte della Taranta e del Festival di Castrocaro).

Il toto conduttore del Dopo Festival, che potrebbe essere trasmesso solo da Raiplay continua anche ad ottobre: l’ipotesi Belen Rodriguez sarebbe stata accantonata, mentre Stefano De Martino sarebbe confermato e potrebbe essere affiancato da Mlly Carlucci (secondo Vero) o Elisabetta Gregoraci (secondo Spy).

Secondo Blogo Lorella Boccia potrebbe condurre il Dopo Festival sul web, rinominato L’altro Festival.

E’ ufficiale: il Dopo Festival si chiamerà L’Altro Festival e andrà in onda solo su Raiplay (fonte Milano Music Week).

Secondo Il Messaggero L’altro Festival potrebbe essere condotto da Fiorello.

Il 5 dicembre a Viva Raiplay Fiorello ha annunciato il nome del conduttore de L’altro Festival: il prescelto è Nicola Savino.

Sanremo 2020 co-conduttori

Ad affiancare Amadeus alla conduzione dovrebbero esserci, come da lui stesso anticipato a Il Messaggero, due donne o due donne e un uomo. Secondo DavideMaggio.it ci sarebbe una trattativa per convincere Tiziano Ferro. Blogo sostiene che si starebbe pensando di coinvolgere Diletta Leotta.

Oggi a inizio luglio sostiene che Amadeus (o Cattelan) sarà affiancato da Diletta Leotta.

Secondo Vero Amadeus vorrebbe per l’ultima serata del Festival una co-conduttrice d’eccezione: Laura Pausini.

Secondo Chi uno dei due ruoli di co-conduttrice sarebbe affidato a Diletta Leotta, mentre per l’altro sarebbero in ballottaggio Elisabetta Gregoraci e Lorella Boccia.

Secondo Dagospia Diletta Leotta è in pole position per affiancare Amadeus. Elisabetta Gregoraci e Lorella Boccia non ci saranno. Scartate anche Giulia De Lellis e Belen Rodriguez. Rimangono in lizza Chiara Ferragni e Monica Bellucci, ma la sensazione è che in questo caso dipenda da loro.

TvBlog l’8 dicembre chiude definitivamente il discorso Diletta Leotta: la conduttrice sportiva di DAZN non ci sarà.

Secondo Adnkronos la compagna di Cristiano Ronaldo, Georgina Rodriguez, potrebbe affiancare Amadeus. Tra i nomi che circolano ancora in rete, oltre a quello di Diletta Leotta, che sembra sfumato, ci sarebbero quelli di Vanessa Incontrada, Emma Marrone e Emma D’Aquino.

Blogo riporta una suggestione che potrebbe concretizzarsi: Silvia Toffanin, con il permesso di Mediaset, potrebbe affiancare Amadeus.

Sanremo 2020 conduttore

Il nodo conduttore è di fondamentale importanza perché negli ultimi anni chi ha presentato si è assunto anche l’incarico di direttore artistico: c’è chi sostiene che, qualora i risultati dessero nuovamente ragione a Claudio Baglioni ci potrebbe essere un Baglioni III (improbabile, ma non impossibile) e chi pensa che la Rai potrebbe decidere a prescindere di cambiare strada. I nomi sono sempre gli stessi: Bonolis, Amadeus, Fazio e Conti. A proposito TvBlog scrive il 7 gennaio:

A proposito di Conti, la voce che circola in queste ore dalle parti di Viale Mazzini e che qui riportiamo come tale è che avrebbe incontrato il nuovo direttore di Rai1 Teresa De Santis per parlare di… Sanremo 2020. Pare, infatti, che per la 70esima edizione si stia pensando, a prescindere dai risultati che otterrà il Baglioni bis, al grande ritorno di colui che ha portato a termine, con successo, tre Festival consecutivi dal 2015 al 2017. Il tempo per limare l’operazione di certo non manca.

Durante il Festival di Sanremo la direttrice di Rai1 Teresa di Santis ha parlato di una possibile soluzione corale, ma c’è chi ipotizza anche un Baglioni ter.

Il 19 febbraio, intervistato da TvBlog, Carlo Conti ha detto che non condurrà Sanremo 2020, perché ha già fatto 3 edizioni fantastiche.

Secondo Gente del 15 marzo 2019, in pole position per la conduzione della nuova edizione del Festival ci sarebbe Amadeus, mentre Carlo Conti lavorerebbe con lui dietro le quinte, più o meno come accade con Ora o mai più.

Secondo Chi dell’11 aprile 2019, per l’ufficialità di Amadeus prossimo conduttore del Festival mancherebbe solo la firma.

TvBlog il 21 giugno dà per certo Amadeus e aggiunge tasselli per quanto riguarda il direttore artistico (trovi tutto nel prossimo capitolo).

Il 2 agosto è arrivata la conferma dalla RAI: Amadeus sarà il conduttore e direttore artistico del Festival. A lui è dedicato un articolo d’approfondimento.

Sanremo 2020 direttore artistico

Andrea Bocelli
Andrea Bocelli

Secondo Oggi il ruolo di direttore artistico, colui che è presidente della commissione selezionatrice delle canzoni, potrebbe essere affidato ad Andrea Bocelli.

Secondo Chi dell’11 aprile 2019 il direttore artistico di Sanremo 2019 potrebbe essere, o un artista famoso nel mondo o “un vecchio leone della kermesse”.

L’Ad RAI Fabrizio Salini apre al possibile ruolo di Mina a Direttore Artistico del Festival (fonte Il Messaggero):

Mina è Mina. E di fronte a un’apertura come questa manifesto tutto il mio interesse e quello dell’azienda. Chiamerò Massimiliano Pani nei prossimi giorni per dirgli che siamo ovviamente disponibili, per uno o più incontri, per ascoltarlo e ragionare sul futuro del Festival.

Secondo TvBlog l’alternativa più plausibile sarebbe Tony Renis, già direttore artistico di Sanremo 2004, recentemente visto alla finalissima di Sanremo Young.

Secondo TvBlog alla fine potrebbe spuntarla Mogol.

Il 2 agosto la RAI annuncia che Amadeus sarà anche direttore artistico.

Sanremo 2020 regolamento – votazioni

Dopo le polemiche che sono seguite alla vittoria di Mahmood con Soldi, che ha ricevuto al televoto quasi quattro volte in meno i voti di Ultimo, la RAI e alcuni esponenti del governo (Di Maio) hanno annunciato che il regolamento potrebbe cambiare, cancellando in toto il voto della giuria e della sala stampa, per lasciare l’intera decisione al pubblico da casa.

A metà maggio l’Amministratore Delegato della Rai Fabrizio Salini incontrerà alcuni professionisti del settore musicale (il discografico e manager Stefano Senardi, il manager e promoter Francesco Barbaro, l’imprenditore Massimo Bonelli, il presidente della FIMI Enzo Mazza, i discografici Caterina Caselli e suo figlio Filippo Sugar, il giornalista Andrea Spinelli) per discutere della composizione delle giurie, dei meccanismi di voto e dei possibili conflitti d’interessi.

Alla fine il regolamento prevede che le prime due serate il voto sia dato unicamente dalla giuria demoscopica, che nella serata delle cover votino esclusivamente gli Orchestrali e i Vocalist di Sanremo, che nella quarta serata voti solo la giuria della stampa e che nella finale votino contemporaneamente giuria demoscopica (33% del peso del voto), stampa (33%) e televoto (34%).

Sanremo 2020 cantanti

I nomi dei cantanti dipendono molto dal nome scelto come Direttore Artistico. Tra i papabili ci sarebbero Paolo Vallesi (cantante favorito alla vittoria finale di Ora o mai più), alcuni esclusi eccellenti come Elodie, Bianca Atzei e Pierdavide Carone, e Albano Carrisi, che si è autocandidato in un’intervista rilasciata a Tv Sorrisi e Canzoni:

Nel 2020 vorrei tornarci, sarebbe la sedicesima volta. Da ragazzo partecipare al Festival era il sogno più grande. E quando l’ho coronato, nel 1968, ero talmente agitato che mi venne la febbre a 39°.

TUTTE LE INFORMAZIONI SUI CANTANTI DI SANREMO 2019.

Sanremo 2020 location

Ogni anno si dice che il Teatro Ariston di Sanremo sia troppo piccolo per ospitare un evento così prestigioso. E’ di questa idea Paolo Bonolis che nel 2017 si auspicava che il Festival si trasferisse in una location più ampia. L’ipotesi era stata presa in considerazione dal sindaco di Sanremo Alberto Biancheri che il 9 febbraio 2018, in conferenza stampa, disse:

Ci stiamo pensando seriamente, d’altronde è una richiesta della Rai, quella di avere uno spazio più grande per uno spettacolo in crescita sempre più visto anno dopo anno. Sul piano urbanistico, stiamo pensando ad una struttura di 3 o 4mila posti, ci sarebbero privati interessati a farlo ed è uno dei nostri progetti portati avanti in finance project, non è semplice, va approfondito e lo stiamo portando avanti con i privati perché Sanremo ha bisogno di nuove strutture, a soprattutto strutture più adeguate per i flussi turistici: un obiettivo ambizioso ma non solo per il festival ma per la città in generale.Si tratta di un’opera sui 50-60 milioni di euro e realizzarla entro il 2020 è impossibile, ci vogliono almeno 5 o 6 anni anche solo per ottemperare agli obblighi dal punto di vista burocratico.

Se a questo aggiungiamo il fatto che l’accordo tra il comune e la Rai è triennale (2018-2020) pare certo che Sanremo 2020 vada in onda dal Teatro Ariston.

Sanremo 2020 tornano le Nuove Proposte

A un anno di distanza dalla cancellazione della categoria, pare che a Sanremo 2020 sarà reintrodotto la gara dei giovani con le Nuove Proposte. La conferma indiretta arriva dal comunicato stampa di Area Sanremo che annuncia che due dei vincitori andranno di diritto al Settantesimo Festival di Sanremo nella Categoria Nuove Proposte. Si legge nel titolo:

AREA SANREMO 2019: è on line il bando per partecipare all’unico concorso che da’ l’accesso al 70° Festival di Sanremo

Nel testo viene ribadito dal sindaco di Sanremo Roberto Biancheri:

L’edizione 2019 di Area Sanremo sarà all’insegna del rinnovamento. Congiuntamente, Comune e Orchestra Sinfonica, hanno deciso di rimodulare l’evento al fine di consolidarlo e poter ripartire con maggiori ambizioni. La garanzia dei due posti al Festival e la copertura dei costi di iscrizione da parte di uno sponsor, di cui presto comunicheremo il nome, sono i punti fermi per un nuovo inizio.

3 Commenti

  1. Ho scritto, assieme a Dario Salvatori e con la prefazione di Bobby Solo, il libro sulla storia del festival …”più’ completo che sia mai stato scritto” (Marcello Foa- Presidente Rai), dal titolo : SANREMO – UNA STORIA TUTTA ITALIANA.
    Non si capisce il perché nessuna casa editrice lo prenda in considerazione.
    Se qualcuno fosse interessato sono a sua completa disposizione per parlarne.
    cell. 3356511022

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*