Shell abbandona le sue attività di petrolio e gas in Russia

Lunedì, la compagnia petrolifera britannica ha dichiarato che rinuncerà alla sua partecipazione del 27,5% nell’impianto di gas naturale liquefatto Sakhalin-2, alla sua partecipazione del 50% in un progetto per lo sviluppo dei giacimenti di Salem nella Siberia occidentale e alla sua partecipazione del 50% in un progetto di esplorazione nella penisola di Gidan nella Siberia nordoccidentale.

“Siamo scioccati dalla perdita di vite umane in Ucraina, di cui ci rammarichiamo a causa di un atto insensato di aggressione militare che minaccia la sicurezza europea”, ha aggiunto. conchiglie (RDSA) Lo ha detto il CEO Ben van Beurden in una nota.
Segue la mossa della conchiglia di BP (BP) Domenica ha annunciato che rinuncerà a uno dei maggiori investimenti esteri della Russia uscendo dal Paese 19,75% delle azioni Rosneft e joint venture associate. Gli analisti hanno affermato lunedì che BP potrebbe incorrere in oltre 26 miliardi di dollari in quanto cede le sue attività nel paese.

“La nostra decisione di uscire è una decisione che prendiamo con convinzione”, ha detto Van Burden. Non possiamo – e non vogliamo – restare a guardare”.

Shell ha guadagnato circa $ 700 milioni nel 2021 dalle joint venture Sakhalin e Saleem. Ha valutato i suoi interessi in Russia a circa $ 3 miliardi alla fine dell’anno e la società ha affermato che l’abbandono dei progetti di Gazprom comporterebbe probabilmente oneri per svalutazione.

La società è stata una delle cinque società che hanno fornito il 50% di finanziamenti e garanzie per il costo stimato di 9,5 miliardi di euro (10,6 miliardi di dollari) per costruire il gasdotto Gazprom Nord Stream 2 sotto il Mar Baltico tra Russia e Germania. Il progetto si è effettivamente interrotto la scorsa settimana quando il cancelliere tedesco Olaf Schulz ha affermato che il paese avrebbe interrotto la certificazione del gasdotto.

Altre società energetiche occidentali continuano a mantenere una presenza in Russia, tra cui Exxon Mobile (XOM)che vi opera da più di 25 anni.

La sua controllata, Exxon Neftegas Limited, possiede una partecipazione del 30% in Sakhalin-1, un enorme progetto di petrolio e gas naturale situato al largo dell’isola di Sakhalin nell’Estremo Oriente russo. Ha gestito il progetto dal 1995 per conto di un consorzio che comprende partner giapponesi e indiani, nonché due filiali di Rosneft.

READ  Bitcoin, Ethereum e Dogecoin si riprendono grazie al "basso acquisto" e alla stanchezza del venditore - L'analista afferma di fare attenzione a questi due livelli principali Questo analista afferma - Bitcoin - Dollaro statunitense ($ BTC)

– Chris Liakos ha contribuito a questo articolo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply