Solo i biologi hanno smentito una voce di vecchia data sugli squali

Si dice che gli squali non dormano affatto; Il fatto che alcuni squali debbano rimanere in movimento per facilitare la respirazione ha contribuito a questa idea.

Tuttavia, un nuovo studio ha finalmente confermato quanto accaduto prove aneddotiche E il Altre ricerche Abbiamo sempre suggerito: questi animali dormono, proprio come noi.

“Abbiamo fornito la prima prova fisiologica del sonno degli squali”, ha affermato il team. scrivi sul loro giornaleÈ stato guidato dal fisico ambientale Michael Kelly dell’Università dell’Australia occidentale.

Due fasi del sonno sono ben note negli uccelli, nei mammiferi e persino nei polpi, suggerendo che ogni fase gioca un ruolo importante nella nostra fisiologia, ma si sa poco di questo processo negli animali a sangue freddo.

Quindi il team ha studiato i segni del sonno dello squalo sulla tavola da disegno (Cefalosilio isabella), che in precedenza erano stati scoperti come animali notturni.

a studio precedenteI ricercatori hanno dimostrato che è necessaria una maggiore stimolazione elettrica affinché lo squalo risponda quando l’animale sembra riposare, ma non hanno confermato che questo stato di riposo fosse il sonno.

Il monitoraggio degli squali per un periodo di 24 ore ha rivelato che i loro livelli di ossigeno sono diminuiti costantemente durante questi periodi di riposo, confermando che coloro che si sono allungati per più di 5 minuti erano effettivamente addormentati.

Kelly e la squadra spiegare.

Gli squali chiudevano gli occhi mentre dormivano più comunemente durante il giorno, suggerendo che la chiusura degli occhi è probabilmente correlata a fattori esterni come la presenza di luce, piuttosto che allo stato di sonno stesso. Durante la notte, il 38 per cento degli squali ha tenuto gli occhi aperti, anche se altre indicazioni indicavano che erano completamente addormentati.

READ  Misteriose sfere di vetro avvistate dal rover cinese sulla superficie lunare

Il team ha scoperto che il miglior predittore di uno squalo dormiente era il suo stato. Durante il sonnellino, gli squali appiattiti sostenevano i loro corpi.

Questo tipo di squalo è in grado di rimanere immobile per lunghi periodi di tempo, grazie alle loro pompe buccali (muscoli facciali) che mantengono l’acqua ossigenata che scorre attraverso le loro branchie mentre sono fermi.

Altri tipi di squali, come il famigerato squalo bianco (Carcharodon carcharias), non hanno questa pompa e fanno affidamento sul nuoto anteriore per spingere l’acqua ossigenata nella loro bocca e sopra le branchie. Questo è noto come ventilazione ariete.

Quindi, se il sonno è comune a tutti gli squali, come possono ottenerlo i nuotatori compulsivi mentre sono in movimento?

Alcuni ricercatori Sospetti che possa avere qualcosa a che fare con il modo in cui gli squali controllano i loro movimenti nel nuoto. Studia negli anni Settanta Meccanismi che controllano i movimenti del nuoto sono stati trovati in giovani squali spinosi (Squalo acanthias) nel midollo spinale dell’animale anziché nel cervello, quindi è possibile che gli squali continuino a nuotare inconsciamente.

C’è ancora molto sul sonno in generale che rimane un mistero, quindi capire come funziona questo processo negli squali potrebbe fornire indizi su come si sviluppa la nostra capacità di dormire. Essendo il gruppo più antico di vertebrati mascellari, gli squali sono un gruppo ancestrale di molti animali noti per fare affidamento sul sonno per conservare energia e altri importanti processi fisiologici.

“La ricerca futura dovrebbe concentrarsi su altri indicatori fisiologici del sonno, come i cambiamenti nell’attività cerebrale, per ottenere un quadro più completo del sonno in questi vertebrati”, ha affermato il team. conclude.

READ  Il gigantesco cingolato della NASA in movimento mentre si avvicina il lancio di un razzo gigante lunare

Questa ricerca è stata pubblicata in Lettere di biologia (Link non disponibile al momento della pubblicazione).

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply