Studi preliminari suggeriscono che se infettati da Omigran, il rischio di essere ricoverati all’ospedale Kovit-19 è inferiore rispetto a Delta.

Uno suggerisce che Omigran sia associato a una riduzione di due terzi del rischio di essere ricoverati all’ospedale Kovit-19 rispetto a Delta. Studia, È stato rilasciato online mercoledì Foglio di lavoro Dai ricercatori dell’Università di Edimburgo nel Regno Unito. Questo studio ha sede in Scozia.
Altro Carta, Rilasciato martedì su un server online medrxiv.orgRispetto alle infezioni delta, le persone con infezione da Omigran hanno l’80% in meno di probabilità di essere ricoverate in ospedale. Ma una volta che un paziente è ricoverato in ospedale, non c’è differenza nel rischio di malattie gravi, secondo quella ricerca, che ha sede in Sudafrica.

Entrambi gli studi coprono dati preliminari e non sono ancora stati pubblicati nella rivista rivista.

Lo studio della Scozia include dati su 23.840 casi di Omigron e 126.511 casi di delta dal 1 novembre al 19 dicembre. I ricercatori – Università di Edimburgo, Università di Strathclyde e Public Health Scotland – hanno monitorato da vicino gli effetti sulla salute. Nelle infezioni di Omigran rispetto alle infezioni delta. Quindici di quelli con infezioni da Omigron sono stati ricoverati e ricoverati in 856 ospedali del Delta.

“Nonostante il piccolo numero, questo studio è una buona notizia. Una riduzione di due terzi dei ricoveri ospedalieri per i giovani che sono stati vaccinati due volte rispetto a Delta indica che Omigron sarà più mite per più individui”, ha affermato James Nicemith, direttore e professore di architettura al Rosalind Franklin Institute. Biology dell’Università di Oxford, che non ha partecipato a nessuno dei due studi, ha affermato in un rapporto scritto con sede nel Regno Unito. Science Media Center Di mercoledì.

“Lo studio è difficile ma è presto (quindi potrebbe cambiare un po’ con ulteriori dati e gli studi saranno annunciati tra poche settimane). Alcuni scienziati sudafricani affermano da tempo che Omigron è mite”, ha detto Nicemith. “Sebbene una riduzione di due terzi sia significativa, Omigran può causare malattie gravi raddoppiando il numero di vaccini. Pertanto, se Omigran raddoppia ogni pochi giorni, potrebbero essere creati più ospedali dalla popolazione vaccinata doppia rispetto a Delta”.

Con la collisione di Omigron e i piani per le vacanze, la scoperta del test Covit-19 è ora una lotta negli Stati Uniti.

I ricercatori hanno precedentemente scoperto che le persone con Govit-19 hanno un rischio 10 volte maggiore di recidiva dei casi di Omigron rispetto a Delta. I dati mostrano che la somministrazione di una terza dose di vaccino o di una vaccinazione di richiamo è associata a una riduzione del 57% del rischio di infezioni sintomatiche da omega-3 più di almeno 25 settimane dopo il completamento della seconda dose.

READ  40 La migliore notebook con tastiera staccabile del 2022 - Non acquistare una notebook con tastiera staccabile finché non leggi QUESTO!

“Questi primi dati nazionali suggeriscono che Omigron COVID-19 è associato a una riduzione di due terzi del rischio di ricovero ospedaliero rispetto a Delta. Il rischio”, hanno scritto i ricercatori nel documento.

Un altro articolo che copre i dati su 161.328 casi Govt-19 segnalati a livello nazionale in Sud Africa dal 1 ottobre al 6 dicembre. Ricercatori dell’Istituto nazionale per le malattie infettive, dell’Università di Whitwatersrand e dell’Università di Cape Town. Quelli con infezione da Omigran sono stati ricoverati in ospedale al 2,5% in quel momento, rispetto al 12,8% di quelli con infezione da Delta.

I ricercatori hanno scritto nel loro studio che “i primi dati e risultati possono cambiare con il progredire della malattia”.

Il dottor Anthony Fassi, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases degli Stati Uniti, ha presentato mercoledì gli ultimi dati dal Sudafrica e dalla Scozia a una conferenza alla Casa Bianca, affermando che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se risultati simili potrebbero emergere nelle Nazioni Unite. Negli stati.

“In effetti, nel contesto del Sudafrica, sembra esserci una diminuzione della gravità rispetto al delta: il rapporto e il tasso tra i ricoveri ospedalieri e il numero di infezioni, la durata della degenza e la necessità di ossigenoterapia aggiuntiva”, Fauci ha detto mercoledì.

“Recentemente, anzi ieri, è uscito un altro documento dalla Scozia che sembra controllare e verificare i dati in Sud Africa”, ha detto Fauzi. “Questa è una buona notizia, tuttavia. Dovremo aspettare e vedere cosa succede alla nostra popolazione, che ha le sue opinioni demografiche”.

Dati preliminari separati al di fuori del Regno Unito mostrano una riduzione “moderata” del rischio di ricovero ospedaliero dalla variante Omigron nel Regno Unito rispetto alle infezioni delta. Rapporto pubblicato dall’Imperial College Govt-19 Response Team Di mercoledì.

Lo studio, basato sui dati di tutti i casi di SARS-CoV-2 confermati dalla PCR nel Regno Unito tra il 1° e il 14 dicembre, è stato condotto dal Jameel Institute, dal Centro per la modellizzazione delle malattie infettive dell’OMS e dal Centro MRC per le malattie infettive globali. Analisi. E l’Imperial College di Londra. SARS-CoV-2 è il nome del virus corona che causa Govit-19.

READ  Evento di marzo "Peak Performance" di Apple: cosa aspettarsi

Lo studio stima che sia inferiore dal 40% al 45% rispetto alla variante delta a causa della variante Omicron.

“Abbiamo trovato prove per ridurre il rischio di ricovero ospedaliero a Omigran rispetto alle infezioni delta, in media in tutti i casi durante il periodo di studio”, afferma il rapporto.

Il rapporto avverte che “queste riduzioni devono essere bilanciate rispetto al maggior rischio di infezione da omigran, poiché riducono la protezione offerta sia dal vaccino che dall’infezione naturale”. “A livello di popolazione, un numero maggiore di infezioni potrebbe ancora essere ricoverato”.

Lo studio rileva che gli individui con malattia di Omicron hanno dal 50% al 60% in meno di probabilità di essere ricoverati in ospedale dopo un’infezione precedente documentata, rispetto a quelli senza un’infezione precedentemente documentata.

Il rischio di ricovero è “simile per le persone positive all’infezione da Omigran e Delta e riflette una minore efficacia del vaccino contro Omigran rispetto a Delta”, afferma il rapporto.

“Tuttavia, il rischio di ospedalizzazione tra coloro che sono stati vaccinati è significativamente inferiore rispetto a quelli che non sono stati vaccinati”, ha aggiunto il rapporto, che non è stato ancora pubblicato sulla rivista Peer Review.

Nel complesso, lo studio ha rilevato che “una precedente infezione riduce di due terzi il rischio di ricovero in ospedale, indicando che Omigron è lieve se si dispone di un sistema immunitario”, ha affermato Nicemith, che non è stato coinvolto nel rapporto. Un altro rapporto distribuito dal Science Media Center Di mercoledì.

“Tuttavia, lo studio ha rilevato che coloro che sono stati vaccinati due volte non hanno avuto una diminuzione dell’intensità di Omigran rispetto a Delta, indicando che non era lieve”, ha detto Nicemith. “Questa scoperta è sorprendente, ma basata sui dati. Non ci sono rapporti sui vantaggi della promozione”.

READ  Quello che sappiamo: Novak Djokovic e l'Australian Open Chronology

Arnaud Seat e Angela Diwan della CNN hanno contribuito al rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply