Swift: Biden sta seriamente valutando se sostenere l’espulsione della Russia dalla rete di sicurezza finanziaria

La decisione di avviare la procedura è stata a lungo oggetto dell’approvazione dell’Unione Europea, che si è divisa in settimane di polemico dibattito sul provvedimento, e alla fine ha scelto Non andare avanti questa settimana.

Ma i funzionari statunitensi e le loro controparti dell’UE hanno continuato a valutare le opzioni, inclusa la rimozione di banche e singole entità, piuttosto che dell’intera economia russa, dalla rete, affermano i funzionari.

La mossa sarà considerata l’opzione nucleare quando si tratta di risposte L’invasione russa dell’Ucraina. Biden ei suoi collaboratori hanno evidenziato la complessità del divieto russo su SWIFT – o la Società per le telecomunicazioni finanziarie interbancarie mondiali – osservando che gli Stati Uniti non possono agire unilateralmente. “Questa non è la posizione che il resto d’Europa vorrebbe prendere”, ha detto Biden ai giornalisti giovedì.

Ma da quando la conferenza stampa di Biden ha annunciato nuove sanzioni alla Russia per il suo attacco non provocato, l’amministrazione sembra avvicinarsi a quella posizione poiché altri alleati europei le hanno ora dato il loro sostegno.

L’amministrazione ha discusso la questione con la Federal Reserve, che avrà interesse a qualsiasi decisione, secondo un funzionario.

La Casa Bianca ha affrontato le richieste dei legislatori ucraini e statunitensi al Congresso per far uscire la Russia dal regime di Swift dopo che Putin ha ordinato l’invasione giovedì. Finora, Regno Unito, Lituania, Estonia e Lettonia hanno sostenuto gli appelli di Kiev di isolare la Russia dal regime di Swift.

Sabato, la Germania, che in precedenza aveva avvertito di un “impatto tremendo” sugli affari tedeschi se la Russia dovesse essere bandita dal sistema Swift, ha segnalato in qualche modo il suo sostegno alle restrizioni.

READ  Harris: gli americani dovranno sostenere alcuni costi dalla crisi ucraina con alti tassi di inflazione dei costi energetici

Il ministro degli Esteri tedesco Annalena Barbock e il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck hanno affermato in un tweet congiunto di essere “estremamente sottoposti a pressioni per evitare danni collaterali durante il disaccoppiamento (Russia) dal sistema SWIFT fino a quando non colpisce le persone giuste. Ciò di cui abbiamo bisogno è un significativo e pratico Strumento di vincolo SWIFT.”

All’inizio della giornata, l’Italia ha indicato che sosterrà anche le misure per espellere la Russia dal sistema Swift dopo che il primo ministro Mario Draghi ha dichiarato al presidente ucraino Volodymyr Zelensky che “l’Italia sostiene pienamente la posizione dell’UE sulle sanzioni contro la Russia, comprese quelle relative al sistema SWIFT “E lo farai. Continua a farlo.”

Le osservazioni di Draghi sono particolarmente degne di nota data l’esposizione energetica dell’economia italiana.

Un funzionario dell’amministrazione ha affermato che sarebbero probabili ulteriori sanzioni se Kiev, la capitale ucraina assediata, fosse caduta. Ma non era chiaro se ciò includesse SWIFT o se la rimozione della Russia da SWIFT potesse avvenire prima.

Un funzionario della Casa Bianca ha detto alla Galileus Web che “come il presidente e i funzionari dell’amministrazione hanno chiarito, siamo concentrati sul coordinamento con alleati e partner per imporre maggiori costi al presidente russo Vladimir Putin per la sua guerra preferita”, ma ha rifiutato di commentare ulteriormente.

Rimuovere la Russia dal sistema SWIFT danneggerebbe la Russia così come le principali economie europee e influenzerebbe le esportazioni di energia verso il continente.

Renderebbe più difficili le transazioni finanziarie internazionali, scioccando le società russe ei loro clienti stranieri, in particolare gli acquirenti di esportazioni di petrolio e gas denominate in dollari USA.

Nel frattempo, gli Stati Uniti hanno Imporre ulteriori sanzioni alla Russia, rivolto ai settori bancario, tecnologico e aerospaziale a Mosca. Venerdì, gli Stati Uniti hanno annunciato che lo avrebbero fatto Imporre sanzioni Direttamente su Putin e sul ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori sviluppi e informazioni di base.

Charles Riley, Veronica Straqualorsi e Inki Cappeller della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply