Ultime notizie sulla crisi di confine tra Ucraina e Russia: aggiornamenti in tempo reale

La Russia lo ha annunciato martedì Alcune truppe torneranno alle loro basi originali Dopo aver completato gli esercizi, il giorno dopo che il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov aveva detto al presidente russo Vladimir Putin che la diplomazia aveva ancora una “possibilità” – il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto alla CNN che Putin era “pronto a negoziare”.

Quanto è importante questo sviluppo?

Cominciamo con quello che sappiamo: La dichiarazione del maggiore generale Igor Konashenkov, portavoce del ministero della Difesa russo, è stata molto limitata nei dettagli. Ha detto che le forze dei distretti militari meridionali e occidentali della Russia avevano iniziato a caricare le loro attrezzature alle loro basi, ma ha fornito pochi dettagli su dove operavano queste unità, quali fossero le loro stazioni originali o quante truppe si stessero dirigendo in totale. Pagina iniziale.

Inoltre, sappiamo dai comunicati stampa del Ministero della Difesa che le esercitazioni in Bielorussia coinvolgono un gran numero di truppe provenienti da tutta la Federazione Russa, comprese le unità di stanza nel distretto militare orientale della Russia – diversi fusi orari a est della Russia europea, un vasto zona delimitata dal confine orientale del Pacifico.

Ricorda che la Russia è un paese enorme che copre 11 fusi orari. Il suo esercito divide la provincia in cinque distretti amministrativi: le province occidentali, meridionali, centrali e orientali e la flotta settentrionale. Puoi Vedi tutto sulla mappa qui.

Le forze che hanno lasciato le esercitazioni in Crimea – che la Russia ha annesso nel 2014 – si stavano esercitando tecnicamente all’interno del distretto militare meridionale della Russia. È possibile che le truppe del distretto militare meridionale tornino alle basi nel Caucaso settentrionale o nella regione di Rostov.

READ  La Finlandia neutrale e la Svezia accettano l'idea dell'adesione alla NATO

Quindi, le dichiarazioni di martedì ci danno pochissime prove formali su quanto sia importante la mossa: Può essere facilmente una rotazione – quando nuove forze cadono – o un ritiro graduale dopo gli esercizi. Konashenkov ha spiegato che le attuali esercitazioni russe in mare hanno una portata in qualche modo globale, poiché si svolgono in “aree operativamente importanti degli oceani del mondo” e nelle acque adiacenti al territorio russo.

Ci sono cose a cui prestare attenzione nei prossimi giorni. Putin e il leader bielorusso Alexander Lukashenko si incontreranno questa settimana e potremmo avere qualche indizio su quando finiranno le esercitazioni in Bielorussia e quando i soldati russi torneranno a casa.

Alla domanda se durante quell’incontro sarebbe stata presa una decisione sul ritiro delle truppe russe dalla Bielorussia, il portavoce del Cremlino Peskov ha detto: “Non saltiamo avanti. Aspettiamo l’incontro”.

Nel frattempo, alcuni funzionari occidentali erano scettici sull’annuncio delle forze russe e hanno affermato che non c’erano prove che un’attenuazione della crisi fosse imminente.

“I segnali provenienti da Mosca sulla volontà di continuare a impegnarsi negli sforzi diplomatici… danno qualche motivo di cauto ottimismo. Ma ovviamente osserveremo da vicino ciò che sta accadendo sul campo e se questo si riflette in una vera regressione nella NATO Martedì il segretario generale Jens Stoltenberg ha detto ai giornalisti: “Il rafforzamento dell’esercito russo in tutta l’Ucraina”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply