Un continente dimenticato 40 milioni di anni fa potrebbe essere stato appena riscoperto

Un nuovo studio rileva che il continente basso che esisteva circa 40 milioni di anni fa e ospitava animali esotici “ha aperto la strada” ai mammiferi asiatici per colonizzare l’Europa meridionale.

Questo continente dimenticato si trova tra l’Europa, l’Africa e l’Asia, e questo continente dimenticato – che i ricercatori hanno soprannominato “Balcantolia” – è diventato una porta tra l’Asia e l’Europa quando il livello del mare è caduto e un ponte terrestre si è formato circa 34 milioni di anni fa.

“Quando e come la prima ondata di mammiferi asiatici ha raggiunto l’Europa sudorientale rimane poco compreso”, il paleogeologo Alexis Licht e colleghi Scrivere nel loro nuovo studio.

Ma il risultato è stato entusiasmante. Circa 34 milioni di anni fa, alla fine del Eocene Nell’era, un numero enorme di mammiferi autoctoni scomparve dall’Europa occidentale con l’emergere di nuovi mammiferi asiatici, in un evento di estinzione improvvisa ora noto come Grande Copia.

Recenti scoperte fossili nei Balcani, tuttavia, hanno ribaltato questa linea temporale, indicando uno “strano” bioma che sembra aver consentito ai mammiferi asiatici di colonizzare l’Europa sudorientale fino a 5-10 milioni di anni prima del Grande Solstizio.

Per indagare, Licht, del Centro nazionale francese per la ricerca scientifica, e colleghi hanno riesaminato le prove di tutti i siti fossili conosciuti nell’area, che coprono l’attuale Penisola balcanica E il Anatolialo sperone occidentale dell’Asia.

L’età di questi siti è stata rivista sulla base dei dati geologici attuali e il team ha ricostruito antichi cambiamenti geografici avvenuti nell’area, che ha una “storia complessa di affondamenti e riemergenze accidentali”.

Ciò che hanno scoperto suggerisce che i Balcani siano serviti da trampolino di lancio per gli animali per spostarsi dall’Asia all’Europa occidentale, con la trasformazione di un’antica massa di terra da un continente indipendente in un ponte di terra – e la successiva invasione con mammiferi asiatici – in coincidenza con alcuni ” drammatici cambiamenti paleogeografici”.

READ  Guarda le prime immagini dal telescopio spaziale James Webb della NASA!

MapOfBalkanatoliaBalkantolia, 40 milioni di anni fa, e oggi. (Alexis Licht, Grégoire Métais / CNRS)

Circa 50 milioni di anni fa, i Balcani erano un arcipelago isolato, separato dai continenti vicini, dove fioriva un gruppo unico di animali diverso da quelli dell’Europa e dell’Asia orientale, secondo l’analisi.

Quindi una combinazione di livelli del mare più bassi, calotte glaciali antartiche in crescita e spostamenti tettonici ha collegato il continente balcanico all’Europa occidentale, da 40 a 34 milioni di anni fa.

Ciò ha consentito ai mammiferi asiatici, inclusi roditori e mammiferi a quattro zampe (noti anche come ungulati) Avventura e conquista verso ovest balcanico, Viene mostrata la documentazione sui fossili.

Oltre a quel record, Licht e colleghi hanno anche scoperto parti della mascella appartenenti a animale come l’unicorno nel nuovo Sito fossile in Turchia, risalente a circa 38-35 milioni di anni fa.

mammiferi superioriIl molare superiore di un mammifero asiatico della specie Brontothere. (Alexis Licht, Grégoire Métais / CNRS)

Si può dire che il fossile sia il più antico ungulato simile all’Asia scoperto finora in Anatolia e Il Grand Coupure lo precede di almeno 1,5 milioni di anni, indicando che i mammiferi asiatici erano in viaggio verso l’Europa attraverso i Balcani.

Questa rotta meridionale verso l’Europa attraverso i Balcani era probabilmente più adatta per animali avventurosi che attraversare le rotte a latitudini più elevate attraverso l’Asia centrale che all’epoca erano steppe desertiche più secche, più fredde, suggeriscono Licht e colleghi.

Tuttavia, ehm indicare Nella loro carta quell’ ultimo contatto Tra le singole isole balcaniche e l’esistenza di questa rotta di dispersione meridionale è ancora dibattuta” e che la storia messa insieme finora “si basa esclusivamente su fossili di mammiferi e resta da dipingere un quadro più completo dell’ex biodiversità balcanica”.

READ  Il Perseverance Rover su Marte della NASA ha una corsa rocciosa su una delle sue ruote

Molti cambiamenti geologici che hanno portato a Balkanolia non è ancora completamente compreso ed è importante notare che questa recensione è solo l’interpretazione di un singolo team della documentazione fossile.

Tuttavia, la documentazione fossile di mammiferi e altri vertebrati che vivono sulle isole è generalmente scarsa e incompleta, mentre La ricca documentazione fossile terrestre della regione dei Balcani offre “un’opportunità unica per documentare l’evoluzione e la scomparsa degli ecosistemi insulari nell’antichità”, ha affermato il team. conclude.

Lo studio è stato pubblicato in Recensioni di scienze della terra.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply